CBD Auto – Coltiva marijuana al chiuso o all’aperto

Con la recente ricerca medica che mostra che il CBD può avere effetti benefici sulla salute, sempre più persone stanno coltivando la propria marijuana per scopi terapeutici. Questo articolo esamina alcuni dei tipi popolari di marijuana e come coltivarli per uso medico.

La cannabis femminizzata è una forma di cannabis medica che contiene una piccola quantità di CBD ma non di THC. In effetti, è illegale in molte giurisdizioni a causa della sua mancanza di proprietà psicoattive. Il nome femminizzato deriva dal fatto che ha le stesse proprietà di base delle piante di cannabis femminili. L’unica differenza è che le piante femminili non sono completamente sterili, a differenza della pianta maschio, che è completamente matura e pronta per la raccolta.

La cannabis femminizzata è anche molto ricercata perché non produce effetti collaterali. Molte donne soffrono di crampi mestruali, mal di testa, nausea e depressione a causa degli effetti degli ormoni che derivano dalla menopausa. Con la cannabis solo CBD, possono godere di sollievo senza preoccuparsi degli effetti collaterali negativi. Possono anche controllare il loro appetito senza dover fare affidamento su droghe sintetiche.

La cannabis femminizzata non contiene gli stessi effetti psicoattivi delle forme tradizionali di cannabis. Al contrario, produce effetti calmanti simili a quelli del luppolo, che è un ingrediente comune nella birra. Lo stesso effetto può essere ottenuto aggiungendo CBD a una ricetta o bevendo una bevanda con aggiunta di luppolo.

I semi autofiorenti sono un altro tipo di cannabis terapeutica. Le piante da seme autofiorenti sono progettate per crescere rapidamente. Per fare ciò, il seme viene impiantato nel terreno in modo che inizi a crescere rapidamente. I semi autofiorenti crescono molto velocemente. Poiché crescono così rapidamente, possono essere raccolti rapidamente per essere ripiantati.

Le piante autofiorenti possono essere utilizzate per trattare condizioni come epilessia, artrite, dolore cronico e spasmi muscolari. Il motivo per cui crescono così rapidamente è che il CBD è altamente permissivo. significa che può essere iniettato nel corpo in dosi molto piccole. Ciò significa che c’è meno possibilità di overdose. I semi autofiorenti sono altamente raccomandati per le persone che assumono farmaci da prescrizione per una condizione, come antidolorifici, cancro o HIV / AIDS.

I semi di semina automatica possono essere utilizzati anche per controllare sbalzi d’umore, epilessia e ansia. È particolarmente efficace nel trattamento del disturbo bipolare. Questo tipo di cannabis è anche comunemente prescritto nei paesi in cui la cannabis non è consentita o legale.

Esistono altri tipi di semi CBD a semina automatica, come Indica, Sativa e Hybrid. Tutti crescono più lentamente delle varietà di semi femminizzati, quindi il tempo necessario per raccogliere da ogni seme varia. Una buona regola pratica è piantare un seme ogni due settimane.

I semi per la semina automatica vengono generalmente venduti in fasci. I fasci includono il seme, il terreno e le sostanze nutritive necessarie affinché la pianta cresca rapidamente e in salute. Il pacchetto includerà anche le istruzioni su come piantare e far crescere la pianta.

Le varietà di cannabis autofiorenti possono essere piantate ovunque in casa senza troppi problemi. Tendono a crescere più velocemente delle versioni femminizzate, ma sono facili da curare. Richiedono meno nutrienti e luce solare rispetto alle piante di marijuana standard.

I semi autofiorenti non funzionano allo stesso modo dei semi femminizzati quando crescono indoor. Per far crescere completamente la pianta, devi avere almeno sei ore di luce solare diretta ogni giorno. Non è necessaria una sorgente di luce fluorescente.

Mentre i semi femminizzati forniscono gli stessi benefici, la differenza principale è che i semi femminizzati possono essere utilizzati solo all’aperto. I semi autofiorenti, invece, possono essere coltivati indoor con una fonte di luce artificiale.

Comments are closed.