La coltivazione dei semi di marijuana professionale

La coltivazione dei semi di cannabis non e difficile Anche se la parola “normale” sembra dica tutto, non è del tutto cosi. Ognuno di noi ha sentito parlare almeno una volta di semine buone e semine cattive nell’impresa agricola, e come nell’impresa agricola, anche qua valgono le stesse regole. Ci sono semi buoni e semi cattivi. Alcuni coltivatori lasciano crescere le piante di white widow maschio e quelle femmina separatamente fino a raggiungere la maturità e poi le mettono insieme, in modo da essere sicuri che entrambi i sessi delle piante di marijuana siano completamente sviluppati e alla massima potenza. Le piante generate da questo tipo di semi di marijuana inizieranno a vivere in modo perfetto.

Al momento, ha confessato di aver rivalutato l’impiego della discussione sulla cannabis e la possibilità di acquistare semi di marijuana femminizzati per la crescita della pianta, come fanno ormai in tantissimi in tutto il mondo, scegliendo di lasciar perdere per non fare della cosa una “semplice” questione personale. Il suo impegno, infatti, oltre a quello di rendere più sopportabile la vita del suo piccolo figlio, è diventato quello di sensibilizzare l’opinione pubblica nazionale, in modo che altri genitori di bambini affetti dalla medesima malattia del figlio abbiano la possibilità di scoprire i benefici della cannabis inoltre ordinato semi di marijuana femminizzati e renderlo più chiaro.

Ora strappa le foglie dal gambo e mettile in un vaso di vetro con coperchio. Poi metti ogni pianta in un sacchetto della spesa di carta aperto per tre più giorni, finché le foglie non sembrino asciutte al tocco.

Per prima cosa, sradica la piantina, comprese le radici, e appendila a testa in giù per 24 ore come marijuana amnesia. Puoi evitare quel gusto di clorofilla “casereccio” che a volte sembra possa dissolverti le otturazioni. Bene, ora che hai fatto crescere la tua marijuana, vorrai trattarla per poterla fumare bene, senza preoccupazioni.

Potare incoraggia inoltre i rami inferiori a crescere più in fretta di quanto farebbero se la cima non venisse tagliata. Le cime secernono resina, che è lo scopo dell’intero gioco. Il vantaggio di potare le piante è che verranno prodotte più cime.

Se lo desideri, puoi mettere la cima in un po d’acqua, e quando compaiono le radici piantarla in terriccio umido; dovrebbe crescere e formare una nuova pianta. Usa una lama di rasoio ed effettua un taglio dritto. Per potare la pianta, ti basta tagliare via la cima circa nel punto in cui due rami si oppongono l’uno all’altro.

A tre settimane d’età la tua pianta dovrebbe avere almeno due set di rami con gruppi di quattro foglie e una cima. D’altro canto, se le tue piantine appaiono alte e sottili per la loro età a tre settimane, richiedono probabilmente un poco di potatura per assicurarsi la crescita di una bella pianta carica di foglie. Abbiamo scoperto che potare non sempre è necessario.

L’ovvio svantaggio è che se non sciacqui via il sapone dalle piante sentirai il sapore di sapone quando fumerai le foglie. Metti alcuni fiocchi di sapone in un po d’acqua tiepida e mescola per ottenere una schiuma. Un metodo organico per tenere sotto controllo gli insetti è usare le bolle di sapone.

Succhiano anch’essi enzimi, e possono uccidere le tue piante se non vengono fermati. E’ lo stadio larvale dell’insetto che provoca i danni maggiori. Gli adulti sono immuni a quasi tutti gli insetticidi commerciali, tranne il Fruit and Berry, che non ucciderà però larve e uova.

Se vedi piccoli insetti che volano attorno alle tue piante, sono probabilmente mosche bianche, ucciderà solo gli acari adulti, tuttavia, e dovrai spruzzarne ogni quattro giorni per circa due settimane per assicurarti di aver ucciso tutti gli adulti prima che avessero occasione di deporre le uova. Entrambi questi veleni sono letali per umani e animali oltre che per gli insetti, ma la tossina di entrambi decade in circa dieci giorni, perciò puoi fumare l’erba in sicurezza dieci giorni dopo averla spruzzata.

Comments are closed.